Cima di Gioveretto

Il 22 luglio parto con Francesco da Trento, mentre è ancora buio. Il viaggio in macchina ci porta alla fine della lunga e verdeggiante val d’Ultimo, in Alto Adige; la meta è la cima di Gioveretto, che domina la lunga vallata.

Partiamo dal lago di Fontana Bianca, a 1880 metri di quota. E’ sabato e molte persone hanno scelto questa località per trascorrere il fine settimana. Troviamo italiani, austriaci e tedeschi. Francesco ha superato bene l’infortunio alla caviglia che lo ha tenuto fermo qualche anno. Di buon passo arriviamo al rifugio Canziani a 2561 metri di quota, posto sopra il lago Verde, che accoglie le acque di scioglimento del ghiacciaio soprastante. Da qui inizia la salita vera e propria, che inerpicandosi fra grossi massi di roccia, ci accompagna verso le pendici rocciose della cima di Gioveretto, che si slancia esile e verticale verso il cielo.
Dopo un tratto ripido, sbuchiamo all’insellatura che apre la vista alla val Martello, da dove inizia il ghiacciaio Superiore del Gioveretto. Nonostante la quota di 3300 metri, la neve dell’inverno è scomparsa quasi completamente, lasciando scoperto il ghiaccio vivo, che fonderà fino alla fine della stagione calda.

Sella e ghiacciaio di Gioveretto Superiore

L’ultimo tratto si sviluppa in brevissimo spazio, su rocce con buoni appigli. C’è anche una catena utile nella progressione. Sbuchiamo in vetta, tra grandi nuvole e spazi di cielo sereno. Sono trascorse 2 ore e 50 minuti dalla partenza, siamo a quota 3439 metri.
A volte penso alla fortuna degli abitanti locali di poter salire così in alto, in poco tempo e senza compiere lunghi viaggi. Ma magari è proprio la distanza a renderle ancora più affascinanti e maestose.

Cima di Gioveretto
Ghiacciaio di Gioveretto Superiore e Piccolo Lago Verde sullo sfondo

Lungo la discesa sorrido, sono fortunato ad essere quassù.

Lungo la discesa

Scendiamo con calma nello stesso tempo della salita, tra acque tranquille e mucche al pascolo.

Ritroviamo il gruppetto con cui eravamo partiti, in direzioni diverse; ci raccontiamo la giornata ed i panorami osservati.

Discesa sotto la cima di Gioveretto
Rifugio Canziani al lago Verde
Beate mucche al pascolo

Lascia un commento